Città di Porcia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2016-2017

E-mail Stampa

Al fine di ridurre la diffusione della sindrome influenzale il Ministero della Salute ha emanato una circolare per la prevenzione ed il controllo dell’influenza stagionale 2016-2017, comprendente anche le più recenti indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla composizione dei vaccini antinfluenzali.

Di seguito una breve sintesi delle misure consigliate alla Cittadinanza

Misure di igiene e protezione individuale

1. Lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici): lavarsi spesso le mani, in particolare dopo essersi soffiati il naso o aver tossito o starnutito, costituisce un rimedio utile per ridurre la diffusione dei virus influenzali, così come di altri agenti infettivi Fortemente raccomandato

lavarsi-le-mani

2. Buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani): contenimento della diffusione derivante dagli starnuti, dai colpi di tosse, con la protezione della mano o di un fazzoletto, evitando contatti ravvicinati se ci si sente influenzati Raccomandato

coprire starnuto

3. Isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale Raccomandato

Isolamento sanitario

4. Uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale quando si trovano in ambienti sanitari (ospedali) Raccomandato.

uso mascherina

La vaccinazione

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Piano nazionale prevenzione vaccinale (PNPV) 2012- 2014 riportano, tra gli obiettivi di copertura per la vaccinazione antinfluenzale: il 75% come obiettivo minimo perseguibile e il 95% come obiettivo ottimale negli ultrasessantacinquenni e nei gruppi a rischio.

Il vaccino antinfluenzale è indicato per tutti i soggetti che desiderano evitare la malattia influenzale e che non abbiano specifiche controindicazioni.

 

Categoria

Dettaglio

1

Soggetti di età pari o superiore a 65 anni

 

2

Bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza

a) malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (inclusa l’asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronico ostruttiva-BPCO)

b) malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite c) diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi gli obesi con BMI >30)

d) insufficienza renale/surrenale cronica

e) malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie

f) tumori

g) malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV

h) malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali

i) patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici

j) patologie associate a un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari) k) epatopatie croniche

3

Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale.

 

4

Donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza.

 

5

Individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti.

 

6

Medici e personale sanitario di assistenza.

 

7

Familiari e contatti di soggetti ad alto rischio

 

8

Soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori

a) Forze di polizia

b) Vigili del fuoco

c) Altre categorie socialmente utili potrebbero avvantaggiarsi della vaccinazione, per motivi vincolati allo svolgimento della loro attività lavorativa; a tale riguardo, è facoltà delle Regioni/PP.AA. definire i principi e le modalità dell’offerta a tali categorie.

d) Infine, è pratica internazionalmente diffusa l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione antinfluenzale da parte dei datori di lavoro ai lavoratori particolarmente esposti per attività svolta e al fine di contenere ricadute negative sulla produttività.

9

Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani

a) allevatori

b) addetti all’attività di allevamento

c) addetti al trasporto di animali vivi

d) macellatori e vaccinatori

e) veterinari pubblici e libero-professionisti

Contattate sempre il vostro medico di base per decidere insieme a lui l’opportunità o meno della vaccinazione

Per ulteriori approfondimento si rimanda alla circolare del Ministero della Sanità (clicca qui)

 

SERVIZI ON-LINE

PrenotaImmobili logo eventi
Prenota
un immobile
PAC-1  logo CALCOLOimu
Progetto
respiriAMO
Calcolo tributi

WA

geosegnalazioni-3

PRGC-2

 

codice

___________________________

Report Benchmarking 20131

index

PREporcia

servizio civile

paes

 
SOLDI IN PARADISO
SoldiParadiso
CONSULTA FAMIGLIA
consulta della famiglia
PROGETTO GIOVANI
giovani mondo
PROTEZIONE CIVILE
BIBLIOTECA

biblioteca
SOLE IN RETE
PRO-PORCIA
CENTRO ANZIANI
BannerCentroAnzianiPorcia
PROJECT REACTION
reaction-logo-1024x1024
 
CERTIFICAZIONI

ecobil

GP ENERGIA VERDE

CIRIESCO.IT
ciriesco.it
PORCIA WITH LOVE
pordenonelove
SCUOLA
Ist.comprensivo

scuola mosaicisti Friuli

Consorzio Univ. PN
 

Esegui il login