Città di Porcia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Buone pratiche ambientali

E-mail Stampa

Conferimento olio vegetale presso il centro di raccolta (piazzola ecologica)

Il Comune di Porcia, per incrementare la raccolta di olio vegetale esausto, distribuisce gratuitamente un numero di 1800 contenitori (spesa sostenuta con un contributo provinciale) appositamente studiati per facilitarne la raccolta ed il corretto smaltimento.

Attualmente la raccolta di olio annuale per il Comune di Porcia è di 4,62 Tonnellate pari a Kg/ab 0,30 ma si deve fare ancora meglio (la raccolta media annua in Italia nel 2014 è stata di 2,8 Kg/ab.) (nota: dati del COOU. Nel 2014 il Consorzio ha raccolto 167mila tonnellate).

 Bidoncino 1Bidoncino 2

 

Perché riciclare l’olio vegetale esausto?

Versato in uno specchio d'acqua, un solo litro d'olio è capace di formare una pellicola inquinante grande quanto un campo da calcio riducendone pericolosamente l'ossigenazione e di rendere non potabile un milione di litri d'acqua (più o meno il consumo di acqua di un individuo per ben 14 anni). E' capace, disperso nel suolo, di impedire l'assunzione delle sostanze nutritive da parte della flora e, rientrando nella catena alimentare, come mangime per gli animali ad esempio, ha conseguenze nefaste anche sulla nostra salute.

Inoltre, attraverso i processi di trattamento e riciclo, dagli oli esausti si ottengono energia rinnovabile e prodotti ad elevato valore aggiunto, quali lubrificanti vegetali, componenti per la produzione del biodiesel e per l’impiego nelle industrie, oppure combustibile per recupero energetico.

 

Che tipo di olio posso mettere nel contenitore e come?

Nel contenitore dobbiamo mettere, filtrato attraverso l’apposito filtro presente nel contenitore:

  • Olio esausto di frittura freddo
  • Residui di olio alimentari da prodotti sott’olio
  • Residui di olio da preparazione alimentare

 

Chi può chiedere il contenitore?

Il contenitore può essere ritirato dai cittadini residenti nel Comune di Porcia presso la sede municipale in via De’ Pellegrini 4 Ufficio Relazioni con il Pubblico (U.R.P) durante l’orario di apertura al pubblico tutte le mattine dalle 10.00 alle 12.30 ed il lunedì pomeriggio 15.00 alle 17.30.

Al momento sarà distribuito un contenitore per ogni famiglia fino ad esaurimento (disponibili attualmente 1800 contenitori).

Al momento del ritiro del contenitore verrà richiesto Nome e Cognome, Codice Fiscale e su base volontaria e-mail e cellulare. Questi contatti permetteranno di tenere aggiornati i cittadini sull’andamento della raccolta o altre attività di natura ambientale.

 

Dove portare il contenitore una volta pieno?

Il contenuto del contenitore freddo e non addensato va svuotato nell’apposito contenitore presente presso il Centro di raccolta rifiuti di Via del Platano (Piazzola Ecologica) che vi sarà indicato dall’addetto nei seguenti orari di apertura:

DA APRILE AD OTTOBRE

MERCOLEDI’

VENERDI’

SABATO

--

--

8.00   – 12.00

15.00   – 18.00

15.00   – 18.00

--

DA NOVEMBRE A MARZO

MERCOLEDI’

VENERDI’

SABATO

--

--

8.00   – 13.00

14.00   – 16.45

14.00   – 16.45

--

 

Per ulteriori informazioni telefona all'ufficio ambiente del Comune al numero 0434.596948

 

Utilizzare la compostiera per ridurre la quantità di rifiuti smaltiti.

Quasi il 21% dei rifiuti urbani prodotti dai cittadini di Porcia è costituito dal rifiuto umido (1.455 tonnellate nel 2015)

Il rifiuto umido può essere una risorsa? Perché è importante separarlo dal resto dei rifiuti? Come recuperarlo a casa propria? Parte da tre semplici domande questo video tutorial (realizzato dal regista Diego Cenetiempo della Cappella Underground) che attraverso un'intervista a Daniele Della Toffola dell'ARPA FVG LaREA, cerca di fornire delle istruzioni pratiche (materiali da utilizzare, scelta dell'ubicazione, modalità di gestione) a tutti coloro che vorranno costruire nel proprio giardino una pratica compostiera, per trasformare i rifiuti organici in un prezioso terriccio da utilizzare per le piante e l'orto e limitare così l'impatto ambientale dovuto ai trasporti e allo smaltimento dei rifiuti. Chi ricorre all’uso della compostiera ottiene uno sconto sulla Tassa Rifiuti (TARI) (vai al regolamento IUC TARI art 32. per scoprire come)

compostiera fai-da-te

(clicca sull’immagine per far partire il video)

 

Vuoi approfondire la pratica del compostaggio domestico?

Scarica il documento predisposto dall’ARPA FVG

 

Il decalogo ecologico del Consiglio Comunale dei Ragazzi

I giovani Consiglieri hanno ideato un "decalogo ecologico" con tanti consigli sul risparmio energetico alla "luce" dello slogan "spegni lo spreco, accendi il risparmio!" in occasione dell’adesione da parte del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) alla 12a edizione di "M'illumino di meno" tenutasi venerdì 19 febbraio 2016; si tratta della più grande campagna radiofonica di sensibilizzazione sui consumi energetici e la mobilità sostenibile, ideata da Caterpillar, programma in onda dal lunedì al venerdì su Radio2 dalle 17.30 alle 19.00.

Decalogo CCR

 (clicca sull’immagine per ingrandire il decalogo)

La disegnatrice del CCR, Elisa ha progettato un utilissimo gadget per ricordarci di spegnere l'interruttore. Ciascuno a casa potrà stamparlo e ritagliarlo per non dimenticare le buone abitudini. I poster con il "decalogo ecologico"e gadget sono stati distribuiti in tutti i plessi dell'Istituto Comprensivo di Porcia, negli uffici comunali e sul territorio. Per chi volesse sono anche a disposizione gratuitamente presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) del Comune.

 

Il Patto dei Sindaci (PAES): un impegno per l’energia sostenibile

 

I pannolini ecologici

Perché usare i pannolini lavabili al posto dei pannolini usa e getta?

  • Ogni singolo bambino nel corso dei 2-3 anni di utilizzo di pannolini usa e getta produce una tonnellata di rifiuto di difficile trattamento
  • I pannolini usa e getta non possono essere smaltiti con la raccolta differenziata
  • I pannolini lavabili non producono rifiuti difficili da smaltire e una volta finiti di utilizzare si possono passare ad altre mamme o a centri di raccolta
  • Sono costituiti da tessuti traspiranti e non con sostanze chimiche
  • Sono più economici rispetto ai pannolini usa e getta

Il Comune di Porcia distribuisce un numero limitato di kit di pannolini ecologici riutilizzabili alle famiglie di nascituri che ne fanno richiesta.

Si possono ritirare i kit, con un contributo simbolico, presso l’Ufficio Ambiente del Comune di Porcia negli orari di apertura al pubblico.

Si ricorda che i pannolini usa e getta devono essere smaltiti nel cassonetto del secco non riciclabile. E’ possibile richiedere all’Ufficio Ambiente del Comune di Porcia un apposito cassonetto per lo smaltimento dei pannolini usa e getta.

Per approfondimenti sui vantaggi dei pannolini lavabili consulta il VADEMECUM dell’Associazione Non Solo Ciripà (clicca qui)

Lotta alla zanzara tigre

Con ordinanza del sindaco si dispongono i provvedimenti che tutti i cittadini e altri soggetti pubblici e privati sono tenuti ad adottare per la disinfestazione ed il contrasto alla diffusione della zanzara tigre, per l’anno 2016 e anni successivi.

 Ordinanza n. 11/2016 del Sindaco (Clicca qui)

Con l’ordinanza ai cittadini viene richiesto di seguire alcune regole, nel periodo 01/06/2016 - 31/10/2016, per contrastare la diffusione della zanzare tigre:

− non abbandonare oggetti e contenitori di qualsiasi natura e dimensioni ove possa raccogliersi l’acqua piovana, ivi compresi copertoni, pneumatici usati, bottiglie, sottovasi e simili, collocati nei cortili e nei terrazzi delle abitazioni;

− procedere, nel caso di oggetti che si trovano in proprietà privata, alla loro accurata pulizia e alla chiusura ermetica con teli impermeabili o con coperchi in modo da evitare accumuli di acque stagnanti a seguito di piogge;

− svuotare, almeno ogni cinque giorni, contenitori di uso comune, come secchi, ciotole per l’acqua degli animali, sottovasi, annaffiatoi, ecc.;

− eliminare pneumatici usati e contenitori inutili come barattoli, lattine, ecc., affinché non si accumuli acqua e si eviti la formazione di ristagni;

− coprire accuratamente con zanzariere o con teli, tutti i contenitori inamovibili quali ad esempio vasche, bidoni serbatoi per l’irrigazione di giardini e orti;

− prevedere, nel caso di fontane ornamentali o di laghetti artificiali, l’eventualità di introduzione di pesci che si nutrono di larve di zanzare (come ad esempio pesci rossi, gambusie ecc.);

− trattare periodicamente l’acqua nei tombini e nelle caditoie, presenti in giardini e cortili delle aree private, con specifici prodotti larvicidi (generalmente disponibili nelle agrarie e nelle farmacie) oppure avvalendosi di Imprese di disinfestazione autorizzate;

− tenere sgombri i cortili e le aree aperte, da erbacce, sterpi e rifiuti di ogni genere provvedendo al regolare sfalcio dell’erba;

− prosciugare, in ogni luogo, le acque stagnanti che sono causa di insalubrità;

regole che possono essere riassunte nel documento predisposto dalla Regione Friuli Venezia Giulia:

Cinque buone regole per sconfiggere la zanzara tigre (Clicca qui)

Se si desidera approfondire l’argomento è possibile scaricare una brochure, predisposta dal Comune di Udine, che spiega l’identikit della zanzara tigre, gli effetti della puntura, i rischi, il ciclo di vita, i modi per combatterla, oltre a molte altre utili informazioni.

Lotta alla Zanzara tigre, senza di te … è una battaglia persa (Clicca qui)

 
Le casette dell'acqua

Il Comune di Porcia, al fine di valorizzare ulteriormente l’acqua potabile in arrivo dall’acquedotto pubblico e in un’ottica di riduzione dei rifiuti in plastica prodotti dai cittadini per l’acquisto di acqua, ha promosso, su aree nella propria disponibilità, l’installazione di erogatori pubblici di acqua proveniente dall’acquedotto, refrigerata, in forma liscia e gassata.

Dopo la positiva esperienza della “Casetta dell’acqua” installata a Palse a titolo sperimentale, il Comune ha provveduto ad aggiudicare il servizio per tre erogatori installati:

  • a San Antonio in via Papa Giovanni XXII a lato ingresso Asilo Nido
  • a Roraipiccolo in via Cartiera nell'area dell'ex Scuola Elementare di Roraipiccolo
  • a Palse, in via Colombo nell'area parcheggio pubblico sul retro dell'ex Cooperativa di Consumo, dove era inizialmente installato il primo impianto sperimentale.

Gli impianti erogano l'acqua al prezzo di 3 centesimi il litro la naturale e 7 centesimi di euro la frizzante. Per poter usufruire del distributore è necessario dotarsi di apposita tessera prepagata, in distribuzione:

  • per l’erogatore di Palse nel punto vendita di Farmacie FVG di Palse, in prossimità della Casetta stessa.
  • per l’erogatore di San Antonio presso le due edicole di Via Roveredo e angolo Via Ceolini
  • per l’erogatore di Rorai Piccolo presso Farmacie FVG di Roraipiccolo

La tessera può essere ricaricata presso gli esercizi commerciali in cui viene fornita.

Le casette, tutte dotate di doppio erogatore, distribuiscono acqua refrigerata, alla temperatura necessaria cioè per poter essere addizionata di anidride carbonica. Prima di arrivare all'erogazione dalla casetta, l'acqua, proveniente dall'acquedotto comunale, viene sottoposta a microfiltrazione per togliere le impurità in sospensione quale sabbia, ruggine, filtro in carbone attivo come antibatterico, sterilizzazione a UV in linea, disinfezione periodica con Ozono e acqua ossigenata.

La sperimentazione effettuata a Palse ha evidenziato che in un anno, sono stati erogati oltre 130.000 litri con una erogazione di oltre 350 litri di acqua al giorno.

Ciò significa che a regime, in ogni anno, con tre erogatori si eviterà complessivamente l'immissione in consumo di oltre 250.000 bottiglie di plastica da 1.5 litri, con un risparmio annuo di circa 1.000 kg di plastica, evitando così i relativi costi di trasporto (e relativa emissione di CO2) e smaltimento.

 Qualità dell'acqua

 La società proprietaria delle casette deve far effettuare analisi chimico-fisiche e microbiologiche per verificare la qualità dell'acqua erogata e disporre di un piano di manutenzioni e controlli.

 Per visualizzare le analisi fin qui svolte clicca qui